Diagnostica di laboratorio

Effettua il login per acquistare il corso

Codice corso: 235 - 195868
Costo del corso: € 50.00
Num. moduli: 21
Num. crediti: 30 - Validi per il 2017
Corso valido dal 29/05/2017 al 29/05/2018

DESTINATARI

Tutte le professioni

ABSTRACT

Corso accreditato con ID 235 - 195868 valido dal 29 maggio 2017 al 29 maggio 2018

I crediti ECM del corso “Diagnostica di laboratorio”, rilasciati tramite l’attestato di certificazione emesso da Espansione s.r.l. - Provider Ecm id. 235 – saranno disponibili in piattaforma solo successivamente all’inserimento dei nominativi nel rapporto che la scrivente trasmetterà all’Age.na.s., come da normativa*, entro 3 mesi dalla data di scadenza del corso fissata al 29/05/2018.

Si ricorda che i crediti ECM verranno rilasciati nell’anno in cui il corso è stato effettivamente seguito e completato come previsto dalla normativa citata.

*come riportato nel Manuale per l’accreditamento E.C.M. (pagina 12) per i corsi in FAD “Il periodo massimo di svolgimento è 365 giorni - salvo le seguenti eccezioni - a) per i provider in attesa di valutazione, la data di inizio dell’evento deve essere compresa tra i 60 e i 180 giorni successivi alla data di inserimento; b) gli eventi che trattano argomenti inerenti l’alimentazione della prima infanzia devono avere la data di inizio successiva di almeno 90 giorni rispetto alla data di inserimento”.

 

Il crescente interesse per le malattie autoimmuni è giustificato da vari fattori: migliorano le conoscenze relative alle caratteristiche di queste particolari patologie, si riscontra un notevole incremento della loro incidenza nella popolazione, migliorano i mezzi  diagnostici per il loro corretto inquadramento. Tutto ciò si sta risolvendo in un continuo aumento di richieste laboratoristiche per la loro diagnosi, dovuto soprattutto al fondamentale ruolo che hanno le indagini laboratoristiche nell’inquadramento corretto del paziente autoimmune. Nell’ambito di questo tipo di diagnostica, ormai i laboratori sono costretti ad adeguarsi ed allestire i test necessari a soddisfare le richieste dei pazienti che a loro si rivolgono; tuttavia rimane aperto e sempre più pressante il problema di uniformare le procedure ed adeguarsi alle Linee Guida , soprattutto ove l’iter diagnostico prevede l’utilizzazione di metodiche “operatore-dipendenti” come l’Immunofluorescenza Indiretta. Questi limiti molto spesso si risolvono in un moltiplicare il numero di esami eseguiti per raggiungere un corretto quadro clinico del paziente, a cui consegue aggravio dei costi per la Sanità Pubblica e perdita di tempo per il paziente.

L’esame delle urine è molto probabilmente il più antico esame di laboratorio della storia della medicina: è citato da Ippocrate nel V secolo a.C., nel Prognosticon e negli Aforismi e Galeno gli dedica un libro. Ma è tra gli anni 1830 – 1860 che avviene il passaggio dalla uroscopia all’esame urine attraverso la prima descrizione di sedimenti microscopici. La storia tecnologica dell’esame urine, tuttavia, si esplica nella seconda metà del secolo con la nascita delle strisce reattive, “dip and read” (dipstick) nel 1957, la loro progressiva trasformazione da “singole” a “multiple” e la loro automazione durante gli anni ’60 con la progressiva incorporazione delle determinazioni fisiche negli strumenti automatici. Il trionfo dei dipstick, e della loro sensibilità, mette in crisi l’utilizzo routinario della microscopia tradizionale, criticata per la sua scarsa riproducibilità e per l’impegno di risorse umane. La crisi della cieca fiducia nel potenziale diagnostico delle strisce reattive e la possibilità di quantificazione riproducibile e veloce dei sedimenti organizzati, aprono nuove prospettive nella strategia diagnostica dell’esame urine, con interesse per gli aspetti riorganizzativi e di integrazione dell’area urine ed attenzione per una appropriata definizione dei suoi obiettivi diagnostici e della sua efficacia clinica.

La diagnosi oggi è più complessa rispetto al passato e si avvale di tecniche ed innovazioni tecnologiche diverse e differenziate che devono essere reciprocamente integrate in un percorso diagnostico. Obiettivo di questo corso è la descrizione di una sequenza diagnostica razionale ed efficiente di tutte le caratteristiche microscopiche delle cellule presenti nel sangue utili nel percorso diagnostico, di suggerire iter diagnostici finalizzati al miglior chiarimento possibile dello stato immunitario del paziente nell’ambito dell’autoimmunità sistemica e strategie di riduzione dell’errore diagnostico derivante principalmente dall’automazione delle attività di laboratorio.

Modulo 1: La Diagnostica Urinaria

Modulo 2: La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Modulo 3: La Diagnostica microscopica in ematologia

MODULI

Lezione 1 - Apparato Escretore

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 1h Complessità: SEMPLICE

Lezione 2 - Formazione e composizione delle urine

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 0,5h Complessità: SEMPLICE

Lezione 3 - Raccolta, conservazione ed esame chimico-fisico delle urine

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 1h Complessità: SEMPLICE

Lezione 4 - Significato del sedimento urinario

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 1h Complessità: SEMPLICE

Lezione 5 - La proteinuria e l'ematuria

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 6 - La raccolta delle urine nelle 24h

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 7 - La cilindruria e la cristalluria [I]

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 1h Complessità: NORMALE

Lezione 8 - La Cilindruria e la cristalluria [II]

La Diagnostica Urinaria

Tempo: 0,5h Complessità: SEMPLICE

Lezione 1 - Meccanismi immunitari e malattie autoimmuni

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 1h Complessità: NORMALE

Lezione 2 - Caratteristiche e classificazione delle Malattie Autoimmuni

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 1h Complessità: NORMALE

Lezione 3 - Ruolo del laboratorio nella diagnostica delle malattie autoimmuni

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 3h Complessità: NORMALE

Lezione 4 - Le Malattie Aautoimmuni Sistemiche (MAIS) e loro caratteristiche cliniche

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 1,5h Complessità: NORMALE

Lezione 5 - Le Connettiviti ANA-correlate

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 1,5h Complessità: NORMALE

Lezione 6 - Le MAIS con autoanticorpi specifici

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 2,5h Complessità: NORMALE

Lezione 7 - Esercitazione pratica

La Diagnostica delle malattie autoimmuni sistemiche (MAIS)

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 1 - Il Sangue

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 2 - L'emocromo

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 3 - Lo striscio di sangue periferico

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: NORMALE

Lezione 4 - Gli elementi della serie rossa

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: SEMPLICE

Lezione 5 - Gli elementi della serie bianca

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: SEMPLICE

Lezione 6 - Le piastrine

La Diagnostica microscopica in ematologia

Tempo: 0,5h Complessità: SEMPLICE

SPONSOR

CORSO NON SPONSORIZZATO

RESPONSABILE SCIENTIFICO

Angelo Cerracchio
Scarica biografia

AUTORI DEL CORSO

Barbara Di Tonto

BROCHURE ILLUSTRATIVA

Scarica